Consumo energetico ed Emissioni di CO2
 2008
 

Quadro finale dei consumi e delle emissioni


Consumo energetico finale
 Anno (Anno Calendario) 2008
 Vettore (Macrovettori) ElettricitàCalore/FreddoCombustibili fossiliEnergie rinnovabili
 Vettore (Vettori) ElettricitàTotaleCalore/FreddoTotaleGas naturaleGas liquidoOlio da riscaldamentoDieselBenzinaLigniteCarboneAltri combustibili fossiliTotaleBiocarburantiOli vegetaliAltre biomasseEnergia solareEnergia termicaTotale
 Settore (Macrosettori)  Settore (Settori) Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]Consumo energetico [Mwh]
AgricolturaAgricoltura1.343,811.343,810,000,002.095,65240,700,004.656,080,000,000,000,006.992,430,000,000,000,000,000,00
Totale1.343,811.343,810,000,002.095,65240,700,004.656,080,000,000,000,006.992,430,000,000,000,000,000,00
Edifici, attrezzature/impianti e industrieEdifici comunali, attrezzature/impianti3.727,373.727,370,000,0015.885,450,000,000,000,000,000,000,0015.885,450,000,000,000,000,000,00
Illuminazione pubblica7.926,987.926,980,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,00
Industrie Non ETS62.322,0962.322,090,000,00155.383,731.046,830,001.915,210,000,000,0056.541,29214.887,060,000,000,000,000,000,00
Edifici residenziali118.502,95118.502,950,000,00743.737,1322.905,480,0010.198,090,000,000,003.065,64779.906,340,000,000,00446,620,00446,62
Edifici terziari (non comunali), attrezzature/impianti215.882,36215.882,360,000,00195.364,4810.712,360,002.892,610,000,000,000,00208.969,450,000,000,000,000,000,00
Totale408.361,75408.361,750,000,001.110.370,7934.664,670,0015.005,910,000,000,0059.606,931.219.648,300,000,000,00446,620,00446,62
TrasportiFlotta comunale0,000,000,000,0078,530,000,00232,25485,340,000,000,00796,120,000,000,000,000,000,00
Trasporto privato e commerciale0,000,000,000,007.610,228.673,840,00380.549,75187.646,200,000,000,00584.480,010,000,000,000,000,000,00
Trasporto pubblico0,000,000,000,003.952,920,000,0011.739,540,000,000,000,0015.692,460,000,000,000,000,000,00
Totale0,000,000,000,0011.641,678.673,840,00392.521,54188.131,540,000,000,00600.968,590,000,000,000,000,000,00

Emissioni di CO2
 Anno (Anno Calendario) 2008
 Vettore (Macrovettori) ElettricitàCalore/FreddoCombustibili fossiliEnergie rinnovabili
 Vettore (Vettori) ElettricitàTotaleCalore/FreddoTotaleGas naturaleGas liquidoOlio da riscaldamentoDieselBenzinaLigniteCarboneAltri combustibili fossiliTotaleBiocarburantiOli vegetaliAltre biomasseEnergia solareEnergia termicaTotale
 Settore (Macrosettori)  Settore (Settori) Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]
AgricolturaAgricoltura649,06649,060,000,00423,3254,640,001.243,170,000,000,000,001.721,130,000,000,000,000,000,00
Totale649,06649,060,000,00423,3254,640,001.243,170,000,000,000,001.721,130,000,000,000,000,000,00
Edifici, attrezzature/impianti e industrieEdifici comunali, attrezzature/impianti1.800,321.800,320,000,003.208,860,000,000,000,000,000,000,003.208,860,000,000,000,000,000,00
Illuminazione pubblica3.828,733.828,730,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,00
Industrie Non ETS30.101,5730.101,570,000,0031.387,51237,630,00511,360,000,000,0019.304,0951.440,590,000,000,000,000,000,00
Edifici residenziali57.236,9257.236,920,000,00150.234,915.199,540,002.722,890,000,000,001.076,27159.233,610,000,000,000,000,000,00
Edifici terziari (non comunali), attrezzature/impianti104.271,18104.271,180,000,0039.463,632.431,710,00772,330,000,000,000,0042.667,670,000,000,000,000,000,00
Totale197.238,72197.238,720,000,00224.294,917.868,880,004.006,580,000,000,0020.380,36256.550,720,000,000,000,000,000,00
TrasportiFlotta comunale0,000,000,000,0015,860,000,0062,01120,850,000,000,00198,720,000,000,000,000,000,00
Trasporto privato e commerciale0,000,000,000,001.537,261.968,960,00101.606,7946.723,910,000,000,00151.836,920,000,000,000,000,000,00
Trasporto pubblico0,000,000,000,00798,490,000,003.134,460,000,000,000,003.932,950,000,000,000,000,000,00
Totale0,000,000,000,002.351,611.968,960,00104.803,2646.844,760,000,000,00155.968,590,000,000,000,000,000,00

CALCOLO 
DELLE EMISSIONI ALL’ANNO 2008

Analisi  dei  consumi per vettore

Nel seguito viene descritto il metodo utilizzato per l’elaborazione dei dati relativi ai consumi finali nel territorio del Comune di Pisa, analizzando singolarmente i settori ed i vettori considerati.
In particolare, data la struttura dei dati a disposizione, i consumi sono stati valutati a partire dal totale degli usi energetici associati ai diversi vettori e sono poi stati suddivisi nei macrosettori di interesse.
 
Energia elettrica

I dati del consumo di energia elettrica sono forniti dal gestore della rete di trasmissione elettrica nazionale, TERNA S.p.a., con dettaglio provinciale; la frequenza delle rilevazioni è annuale ed i dati sono suddivisi per categoria merceologica: è stato pertanto necessario utilizzare un set di indicatori, diversi per settore, per parametrizzare al livello comunale i dati raccolti.
Per l’agricoltura si sono considerate le dimensioni delle aziende, in termini di superficie agricola utilizzata (SAU), ed il loro grado di meccanizzazione; tali informazioni sono state desunte dal 5° censimento generale dell’agricoltura
ISTAT dell’anno 2000.
E’ in corso di realizzazione il 6° censimento, i cui dati dovrebbero essere disponibili in formato integrale nel secondo semestre del 2012 e sulla base dei quali andranno aggiornati i parametri per riportare a livello comunale i consumi provinciali.
Relativamente al settore industriale, i consumi sono stati scalati in base al numero di attività produttive attive presenti sul territorio, suddivise per categoria merceologica, secondo i dati, aventi frequenza annuale, forniti dalla Camera di Commercio di Pisa.
Per il settore civile i dati di TERNA S.p.a. sono già suddivisi in terziario e residenziale: il terziario è stato scalato in base al numero di addetti delle unità produttive del territorio (dato annuale ISTAT) ed ai flussi turistici che interessano il territorio comunale, dato rilevato dal Sistema Statistico della Regione Toscana.
Per il settore residenziale sono invece disponibili i consumi pro capite registrati annualmente dall’ISTAT a livello comunale, per cui tale dato viene inserito direttamente senza ulteriori elaborazioni.
Consumo ENERGIA ELETTRICA per Settore - Anno 2008


Gas naturale

La fonte dei dati di consumo annuo di gas naturale è rappresentata da SNAM Rete Gas, che registra i quantitativi di metano distribuito sul territorio comunale.
Il dato sui consumi di metano è suddiviso in industriale, riferito solo a quanto distribuito su rete primaria, reti di distribuzione, comprendente la quantità complessiva distribuita su reti secondarie ai diversi macrosettori (compresa la piccola e media industria) e trasporti.
Sul territorio comunale non risulta presente alcun impianto che utilizzi il gas naturale per la generazione di energia elettrica.
Poiché i dati di SNAM Rete Gas non sono ripartiti per tipo di uso, è stato necessario suddividere innanzitutto i consumi per settore.
Considerato che si dispone dei dati del settore Residenziale, dalle statistiche ISTAT, ed in parte dell’Industria (rete primaria), la ripartizione dei rimanenti consumi in Agricoltura, Industria (medio-piccola) e Terziario è stata condotta utilizzando il Bilancio Energetico della Toscana (fonte ENEA), nell’ipotesi che la suddivisione dei consumi di metano nei vari macrosettori segua l’andamento regionale.
Consumo GAS NATURALE per Settore - Anno 2008


Derivati del petrolio

La fonte dati è rappresentata dal DGERM – Ministero dello Sviluppo Economico, che registra le vendite di prodotti petroliferi (gasolio, GPL, olio combustibile) a livello provinciale e con frequenza annuale.
In questo caso non si hanno a disposizione informazioni circa i consumi finali, per cui si ipotizza che quanto venduto coincida con la quantità di combustibile utilizzato; i dati sono disponibili fino al 2010.
Le vendite di gasolio e di GPL sono state ripartite nei vari macrosettori, a livello provinciale, in base a quanto riportato nel Bilancio Energetico della Toscana redatto dall’ENEA: i dati così ottenuti sono stati scalati sul territorio comunale in base a set di indicatori specifici per ogni macrosettore.
Non vengono considerati i consumi di olio combustibile, che dai dati pervenuti dalle industrie ETS risultano attribuibili integralmente a tale settore; inoltre non risultano utilizzi di tale combustibile per riscaldamento in ambito civile.
Di particolare rilevanza, tra i derivati del petrolio, hanno i combustibili impiegati per l’autotrazione: per riportare i dati provinciali a livello comunale sono stati impiegati i dati statistici annuali del parco veicolare di ACI Italia. I veicoli circolanti sono suddivisi per categoria (motocicli, autoveicoli, autobus, veicoli industriali, trattori stradali) e per tipo di combustibile (benzina, gasolio e GPL) per calcolare l’incidenza delle varie tipologie di veicolo circolanti sul territorio comunale rispetto al totale provinciale (mediata anche in base ai consumi medi per categoria di veicoli desunti da statistiche nazionali di consumo per tipologia di veicolo, in modo da attribuire un indice di consumo ad ogni categoria).
Coerentemente con le Linee Guida della Commissione Europea, non sono state considerate le vendite di combustibili sulla rete autostradale, il cui ammontare è riportato separatamente nelle statistiche del Ministero.
Consumo DERIVATI del PETROLIO per Settore - Anno 2008


Diesel, Benzina, GPL, Olio combustibile


Combustibili solidi

La valutazione dei consumi di combustibili solidi, che comprendono carbone fossile, prodotti della cokefazione, gas di d'altoforno e carbone da legna, ha presentato notevoli difficoltà di reperimento di dati complessivi e ufficiali, in quanto sul mercato è attiva una moltitudine di aziende private, non tenute a divulgare i propri dati commerciali.
Gli unici dati utilizzabili sono quelli riportati nel Bilancio Energetico della Regione Toscana, realizzato dall’ENEA e relativo agli anni dal 2005 al 2008; poiché il bilancio viene pubblicato con uno sfasamento temporale di circa due anni, per gli anni 2009 e 2010 sono stati calcolati i consumi di combustibili fossili a partire dall’evoluzione registrata nell’arco temporale 2005-2008.
A seguito della pubblicazione annuale dei bilanci verranno ricalcolati i consumi relativi agli anni non coperti dal bilancio.
I consumi, che dal Bilancio Energetico regionale risultano di competenza dei soli settori industriale e residenziale, sono stati proiettati a livello comunale in base al numero di aziende attive, per l’industria, ed all’incidenza delle abitazioni residenziali del comune di Pisa rispetto al totale regionale.
Consumo COMBUSTIBILI SOLIDI per Settore - Anno 2008


Lignite, carbone, altri combustibili fossili solidi




Fotovoltaico

La raccolta dei dati è avvenuta mediante il GSE SPA (Gestore Servizi Elettrici), che rende disponibili, con aggregazione comunale, l’elenco degli impianti installati sul territorio, la data di entrata in esercizio e la relativa potenza (applicazione web ATLASOLE).
Tali informazioni sono state integrate con gli impianti realizzati precedentemente all’introduzione del Conto Energia (2005), nell’ambito del programma del Ministero dell’Ambiente “10.000 tetti fotovoltaici”.
Al 2008 risultavano installati 45 impianti, per una potenza complessiva di 343 kWp; si nota come il settore fotovoltaico abbia avuto negli anni un tasso di crescita molto elevato, arrivando, a fine 2011, a circa 7 MWp installati. Per il calcolo dell’energia prodotta si è fatto riferimento ai dati climatici riportati nella norma UNI 10349 ed in particolare alle tabelle riportanti la radiazione solare giornaliera media mensile. Per quanto riguarda le caratteristiche dell’impianto si è ipotizzato l’utilizzo di pannelli in silicio policristallino (il più frequente), aventi un rendimento di conversione medio (a STC) del 15% ed un rendimento del sistema di conversione, distribuzione e controllo dell’80%.

Solare termico
I dati sono stati rilevati dall’attività dell’Agenzia Energetica Provinciale, che ha curato la gestione delle pratiche relative alla concessione di incentivi in conto capitale concessi dalla Regione Toscana per l’installazione di impianti solari termici.
I dati hanno validità fino al 2008, essendo stata sospesa l’erogazione del contributo: i pannelli solari termici rientrano infatti tra le spese oggetto della detrazione fiscale del 55% e, dal primo gennaio 2009, tale aiuto non è cumulabile con altre forme di incentivazione pubblica.
Al 2008 risultavano installati circa 500 m2 di pannelli solari per la produzione di ACS, per una produzione energetica di circa 0Zh, stimata in base ai dati climatici caratteristici del territorio comunale ed all’efficienza media di tali impianti.


Analisi dei consumi per settore

Amministrazione Comunale

I consumi diretti dell’Amministrazione, coerentemente con le linee guida emanate dall’Unione Europea per la redazione del PAES, vengono suddivisi in tre categorie:
· edifici, attrezzature ed impianti,
· impianti di illuminazione pubblica,
· trasporti, a loro volta suddivisi in parco auto (comprendente tutta la flotta di veicoli comunali) e trasporti pubblici.

Edifici

Per ciò che riguarda il patrimonio immobiliare pubblico, è stata predisposta una lista completa di tutti gli edifici pubblici, suddivisi per destinazione d’uso; il parco immobiliare in gestione diretta dell’Amministrazione comunale risulta composto da 121 edifici, di cui quasi la metà sono scuole (asili, materne, elementari e medie) ed il resto è utilizzato prevalentemente per gli uffici comunali, per attività istituzionali e finalità culturali; sono compresi 27 impianti sportivi, incluse le palestre in uso agli istituti scolastici, e 7 cimiteri.
Diciotto edifici sono affidati in gestione a terzi, a cui è demandato anche il pagamento delle utenze; sono stati comunque considerati nel totale degli immobili dell’Amministrazione, in quanto eventuali interventi di manutenzione ed efficienza energetica sono a carico del Comune.
Per alcuni immobili sono state redatte delle schede contenenti un censimento strutturale ed impiantistico, propedeutico ad una diagnosi energetica approfondita che verrà implementata come azione del PAES.
Composizione parco immobili Amministrazione Comunale – elaborazione su dati del Comune di Pisa

Per quanto riguarda i consumi di energia elettrica, una contabilità puntuale viene condotta, allo stato attuale, solo per gli edifici scolastici; per valutare i consumi complessivi degli immobili comunali la base di partenza sono stati i dati dell’Ufficio Ragioneria, da cui però non è stato possibile disaggregare i consumi per singolo edificio.
Relativamente all’energia termica, l’unico vettore utilizzato è il gas naturale, per cui non sono presenti consumi di prodotti petroliferi o combustibili solidi.
Considerando che la conduzione termica degli edifici comunali avviene in base ad un contratto di gestione del calore, quindi da parte di una società terza, i consumi di gas metano sono stati ricavati a partire dal canone corrisposto per immobile.
 

Illuminazione pubblica

I consumi relativi all’illuminazione pubblica sono stati calcolati a partire dal censimento degli impianti e delle lampade e dalla stima delle ore medie di accensione annua.

ILLUMINAZIONE PUBBLICA – 2012

 

 

 

 

 

 

 

TIPOLOGIE DI LAMPADE INSTALLATE

 

 

 

 

 

 

 

 

POTENZA (W)

NUMERO LAM-

 

 

PADE

 

 

 

 

 

 

 

 

Vapori di Mercurio (VM)

80

30

 

 

 

 

 

 

125

398

 

 

 

 

 

 

250

766

 

 

 

 

 

 

400

10

 

 

 

 

 

 

 

1.204

 

 

 

 

 

Sodio Alta Pressione (SAP)

70

1.247

 

 

 

 

 

 

100

3.599

 

 

 

 

 

 

150

5.770

 

 

 

 

 

 

250

330

 

 

 

 

 

 

400

11

 

 

 

 

 

 

 

10.957

 

 

 

 

 

Vapori di Alogenuri metallici

39

15

 

 

 

 

 

 

70

80

 

 

 

 

 

 

100

561

 

 

 

 

 

 

150

220

 

 

 

 

 

 

250

88

 

 

 

 

 

 

400

11

 

 

 

 

 

 

 

975

 

 

 

 

 

LED

32

21

 

 

 

 

 

TOT

13.157

 

 

 

 

 

 

ILLUMINAZIONE SEMAFORICA

 

 

 

 

 

 

 

 

NUMERO

NUMERO LAM-

 

 

LANTERNE

PADE

 

 

 

 

 

Incandescenza

203

609

 

 

 

 

 

LED

106

318

 

 

 

 

 

TOT

309

927

  

 

 

 

  


Relativamente alle lanterne semaforiche, il Comune ha avviato un processo di sostituzione delle lampade tradizionali con i LED che terminerà nel 2013; i relativi consumi sono inclusi nel totale.
Nel grafico seguente è descritta la suddivisione dei consumi finali per vettore energetico. 

Consumo Amministrazione - edifici, attrezzature, impianti e illuminazione pubblica per Vettore - Anno 2008



Trasporti comunali

I consumi sono stati rilevati distinguendo il parco auto comunale, i veicoli in uso alla Polizia Municipale ed il trasporto pubblico, comprendente sia gli scuolabus che i bus cittadini.
Questi ultimi sono gestiti dalla Compagnia Pisana Trasporti S.p.A. (CPT), società mista a prevalente capitale pubblico, che ha fornito i dati di dettaglio relativi ai consumi dei bus urbani ed all’anagrafica di ogni singolo mezzo; ad oggi risultano attivi 77 autobus di cui 14 a metano ed il restante a gasolio.


 


 

Marca

Modello

Anno Immatri-

Norma EURO

Alimentazione

 

 

colazione

 

 

 

 

 

 

 

 

IVECO

 

1986

0

G

 

 

IVECO Cacciamali

49.10

1989

1

G

 

 

IVECO Cacciamali

49.10

1991

1

G

 

 

Ducato

 

1996

2

G

 

 

IVECO

 

1996

2

G

 

 

Ducato

 

1997

2

G

 

 

Ducato

 

1999

2

G

 

Scuolabus

Ducato

 

1999

2

G

 

Mercedes Benz

 

2003

3

G

 

 

 

 

 

Mercedes Benz

413

2005

3

G

 

 

Mercedes Benz

413

2005

3

G

 

 

Mercedes Benz

 

2007

4

G

 

 

Mercedes Benz

 

2009

5

G

 

 

Mercedes Benz

 

2009

4

B/M

 

 

Mercedes Benz

 

2009

4

B/M

 

 

IVECO Cacciamali

 

2010

5

M

 

 

FIAT

Panda

1995

2

B

 

 

FIAT

Panda Hobby

1998

2

B

 

 

FIAT

Scudo

1998

2

G

 

 

FIAT

Punto

2000

2

B/M

 

 

Land Rover

 

2004

4

G

 

 

FIAT

Panda

2005

3

B/M

 

 

FIAT

Punto

2005

3

B/M

 

Parco auto Amministrazione

FIAT

Punto

2005

3

B

 

FIAT

Punto

2007

4

B/M

 

Comunale

 

FIAT

Punto

2007

4

B/M

 

 

 

 

FIAT

Punto

2007

4

B/M

 

 

FIAT

Punto

2007

4

B/M

 

 

FIAT

Punto

2007

4

B/M

 

 

FIAT

Panda

2007

4

B

 

 

FIAT

Punto

2009

4

B/M

 

 

FIAT

Panda

2009

4

B/M

 

 

FIAT

Panda

2009

4

B/M

 

 

Fiat

Panda

1997

2

B

 

 

Fiat

Ducatocass

1997

2

G

 

 

Fiat

MareaSW

1998

2

B/M

 

 

Fiat

Brava

1998

2

B/M

 

 

Fiat

Scudo

1999

2

G

 

 

Fiat

Punto

2001

3

B/M

 

 

Fiat

Punto

2001

3

B/M

 

 

Fiat

Stylo

2003

3

B/M

 

 

Opel

Agila

2004

4

B

 

 

Opel

Agila

2004

4

B

 

 

Opel

Agila

2004

4

B

 

 

Opel

Agila

2004

4

B

 

Parco auto Polizia Municpale

Piaggio

Quargo

2005

3

G

 

 

Fiat

Punto

2007

4

B/M

 

 

Fiat

StyloSW

2007

4

B/M

 

 

Fiat

StyloSW

2007

4

B/M

 

 

Fiat

Ducato

2007

4

G

 

 

Ford

FocusSW

2008

4

B/M

 

 

Suzuki

4x4

2008

4

B

 

 

Suzuki

4x4

2008

4

B

 

 

Fiat

Punto

2009

4

B/M

 

 

Fiat

Punto

2009

4

B/M

 

 

Fiat

Punto

2009

4

B/M

 

 

Ford

FocusSW

2010

4

G

 

 

Ford

FocusSW

2010

4

G

 


Per quanto riguarda gli altri veicoli, pur disponendo di un censimento dettagliato, non è stato possibile ottenere i consumi puntuali per ogni mezzo, per cui questi sono stati calcolati a partire dai dati di spesa per carburanti dell’Ufficio Ragioneria, sulla base della tipologia di alimentazione, del costo medio annuale del carburante (dato del
Ministero dello Sviluppo Economico) e del consumo medio dei veicoli per categoria Euro.
Complessivamente, i consumi maggiori sono legati al gasolio, che rappresenta circa il 73% del totale, e che risultano in diminuzione a favore del metano, a seguito del processo di rinnovamento del parco veicoli comunali e per il trasporto pubblico.
Consumo energetico Amministrazione - trasporti per Vettore - Anno 2008



Residenziale

Le statistiche ISTAT relative al 14° Censimento della Popolazione evidenziano come la maggior parte degli edifici ad uso abitativo siano di costruzione antecedente al 1981; in particolare, circa il 65% risulta costruito precedentemente al 1961, mentre dopo il 1991, anno di introduzione della Legge n. 10 del 9 gennaio 1991 (norma sul contenimento dei consumi energetici per i nuovi edifici ed impianti di riscaldamento) si registra appena l’1,89% di nuove edificazioni.
Si nota anche un aumento del numero di abitazioni per edificio negli anni successivi al 1971, che torna a ridursi dopo il 1991.
Di particolare interesse anche il dato relativo al numero di piani fuori terra, che insieme al numero di abitazioni fornisce informazioni sulla geometria dell’edificio, utile a quantificare le superfici disperdenti; circa il 50% degli edifici ha due piani fuori terra e che quelli con oltre 4 piani risultano appena il 15%.
Relativamente al tipo di occupazione, oltre l’83% delle abitazioni risultano occupate da residenti, mentre quelle vuote sono pari a circa l’1% del totale.

Tali informazioni risultano importanti al fine di descrivere da un punto di vista termico il parco edifici comunale e rappresentano una base utile per l’effettuazione di future considerazioni in merito alle azioni da intraprendere per migliorare l’efficienza energetica del settore civile.
I consumi finali sono prevalentemente legati al riscaldamento ambiente ed alla produzione di acqua calda, per cui risulta prevalente l’utilizzo del gas naturale come vettore energetico; segue l’energia elettrica, utilizzata in prevalenza per il funzionamento degli elettrodomestici (che in media pesano circa l’80% dei consumi totali) e per l’illuminazione.
Modesti i consumi degli altri vettori energetici per il riscaldamento, che insieme non raggiungono il 4%.

Consumo ed emissioni per Edifici Residenziali per Vettore  - Anno 2008
 Anno (Anno Calendario) 2008
 Settore (Settori)  Vettore (Vettori) Consumo energetico [Mwh]Consumo (%)Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni (%)
Edifici residenzialiElettricità118.502,9513,1857.236,9226,44
Gas naturale743.737,1382,70150.234,9169,40
Gas liquido22.905,482,555.199,542,40
Diesel10.198,091,132.722,891,26
Altri combustibili fossili3.065,640,341.076,270,50
Energia solare446,620,050,000,00
Fotovoltaico411,760,050,000,00
Totale899.267,67100,00216.470,53100,00


Consumo energetico degli Edifici Residenziali per Vettore - Anno 2008


Sono stati calcolati anche i consumi relativi all’edilizia sociale, il cui patrimonio è gestito dall’A.P.E.S. (Azienda Pisana
Edilizia Sociale), una società consortile per azioni.
L’attività dell’APES comprende sia aspetti amministrativi e gestionali, che aspetti tecnici (manutenzioni straordinarie, costruzione di nuovi alloggi, affidamenti di appalti, etc.): alcune delle attività di competenza dell’APES, definite di concerto con l’Amministrazione Comunale, possono dunque avere effetti sulle emissioni di CO2 ed è quindi significativo il loro inserimento all’interno dell’inquadramento del Patto dei Sindaci.
Dai dati forniti dall’APES e relativi al 2011, gli edifici gestiti sul territorio comunale sono 294, per un totale di 2834 alloggi e 9533 utenti; gli uffici tecnici dell’azienda hanno inoltre calcolato l’indice di prestazione energetica medio (Epi) del parco immobiliare, che risulta pari a 95 kWh/m2.
Da tale dato è stato possibile ricavare i consumi termici medi degli edifici APES, quantificati in circa 17 0Zh/anno e pari al 2,3% dei consumi finali totali di energia termica del settore residenziale.


Terziario

Relativamente alle attività economiche del territorio comunale, il settore dei servizi risulta quello a cui appartengono la maggior parte delle imprese attive, che rappresentano circa il 76% del totale.
Di queste la maggior parte è costituita da attività commerciali, servizi di alloggio e ristorazione ed attività professionali e tecniche; in particolare, le prime due da sole sono impiegano circa la metà del numero totale di addetti alle unità locali delle imprese.


 

Unità locali delle im-

Addetti alle unità

 

 

locali delle imprese

 

Classificazione ATECO 2007

prese per settore di

 

per settore di attività

 

 

attività economica

 

 

economica

 

 

 

 

 

 

 

 

Commercio all'ingrosso e al dettaglio

 

 

 

Trasporto e magazzinaggio

3.214

13.692

 

Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione

 

 

 

Servizi di informazione e comunicazione

360

2.677

 

Attività finanziarie e assicurative

317

1.192

 

Attività immobiliari

421

677

 

Attività professionali, scientifiche e tecniche

 

 

 

Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle

2.402

7.138

 

imprese

 

 

 

Istruzione

857

1.748

 

Sanità e assistenza sociale

 

 

 

 

Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e

 

 

 

divertimento

647

1.633

 

Altre attività di servizi

 

 

 

totale

8.218

28.757

 



Il settore terziario è responsabile di circa il 18% dei consumi finali e del 23% delle emissioni di CO2 dell’intero territorio comunale ed i vettori maggiormente utilizzati sono l’energia elettrica ed il gas naturale, che insieme coprono oltre il 96% dei consumi.

Consumo ed emissioni degli Edifici/impianti terziari per Vettore - Anno 2008
 Anno (Anno Calendario) 2008
 Settore (Settori)  Vettore (Vettori) Consumo energetico [Mwh]Consumo (%)Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni (%)
Edifici terziari (non comunali), attrezzature/impiantiElettricità215.882,3650,81104.271,1870,96
Gas naturale195.364,4845,9839.463,6326,86
Gas liquido10.712,362,522.431,711,65
Diesel2.892,610,68772,330,53
Totale424.851,81100,00146.938,85100,00



Consumo energetico degli Edifici/impianti terziari per Vettore - Anno 2008



Industria

Il settore industriale risulta caratterizzato da una prevalenza delle costruzioni rispetto alle attività manifatturiere
(rispettivamente il 63% ed il 37% delle unità locali delle imprese), mentre relativamente agli addetti le proporzioni risultano ribaltate, con il 38% delle costruzioni contro il 62% delle imprese manifatturiere.



Il principale vettore energetico risulta il gas metano, seguito da energia elettrica e combustibili solidi; discretamente utilizzato, al 2008, l’olio combustibile, mentre sono minimi i consumi di gasolio e GPL.

Consumo ed emissioni della Industria per Vettore - Anno 2008
 Anno (Anno Calendario) 2008
 Settore (Settori)  Vettore (Vettori) Consumo energetico [Mwh]Consumo (%)Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni (%)
Industrie Non ETSElettricità62.322,0922,4830.101,5736,92
Gas naturale155.383,7356,0531.387,5138,49
Gas liquido1.046,830,38237,630,29
Diesel1.915,210,69511,360,63
Altri combustibili fossili56.541,2920,4019.304,0923,67
Energia solare0,000,000,000,00
Fotovoltaico0,000,000,000,00
Totale277.209,15100,0081.542,16100,00



Consumo energetico dell'Industria non ETS per Vettore - Anno 2008


Trasporti

Per valutare i consumi finali associati al settore trasporti si è ricostruito il parco veicolare circolante sul territorio comunale in base ai dati ACI, che fornisce statistiche relative alla tipologia di veicoli ed alla normativa Euro.
Il numero delle autovetture e dei motocicli circolanti è stato ipotizzato pari a quello delle autovetture intestate a persone fisiche o giuridiche residenti nel territorio comunale, mentre il numero di veicoli industriali, trattori ed autobus è stato stimato come incidente sul solo territorio comunale, non considerando i movimenti in ingresso ed uscita, di cui non sono disponibili dati o statistiche.
Il parco veicolare circolante risulta essere composto in prevalenza da autoveicoli e motocicli, che insieme rappresentano circa il 90% del totale.
In riferimento alla normativa Euro, al 2008 risultano in maggioranza i veicoli Euro 4 (limitatamente alle autovetture si arriva a circa il 45%); la statistica relativa ai veicoli Euro 5 risulta influenzata dal fatto che la relativa norma è entrata in vigore il 1 settembre 2009.

2008

 

 

 

 

 

 

 

Non con-

Non

 

 

VEICOLI

EURO 0

EURO 1

EURO 2

EURO 3

EURO 4

EURO 5

identifi-

TOTALE

 

templato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

autoveicoli

5.402

3.036

11.721

14.287

20.362

 

 

56

54.096

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

veicoli

1.104

544

1.134

1.767

808

25

5

8

5.292

 

 

industriali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

trattori

25

3

17

15

8

 

 

 

85

 

PISA

stradali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

motocicli

4.799

3.330

3.902

2.788

 

 

 

5

15.703

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

autobus

86

31

105

92

 

11

 

 

315

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

tot

11.416

6.944

16.879

18.949

21.178

36

5

69

75.491

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Dal confronto con i dati relativi agli anni dal 2008 al 2010 risulta una leggera diminuzione del numero degli autoveicoli, dei veicoli industriali e degli autobus, bilanciato da un aumento dei motocicli; relativamente all’indice di motorizzazione, si evince che i valori calcolati sono in diminuzione, in controtendenza con quanto avviene sul territorio nazionale, con evidenti effetti positivi sulle emissioni di CO2.


Evoluzione del parco veicoli, anni 2008-2010 – dati ACI


 

 

autoveicoli / 1000 abi-

veicoli / 1000

 

 

 

tanti

abitanti

 

2008

Pisa

627,75

863,59

 

Italia

601,30

778,64

 

 

 

2009

Pisa

623,14

863,99

 

Italia

602,78

797,42

 

 

 

2010

Pisa

613,22

855,74

 

Italia

606,19

791,03

 

 

 

 

 

 

 

 


Indici di motorizzazione, anni 2008-2010 – elaborazione su dati ISTAT e ACI


Composizione del parco veicolare del territorio comunale per categoria di veicoli, anno 2008 – elaborazione su dati ACI



Composizione del parco veicolare del territorio comunale per norma Euro, anno 2008 – elaborazione su dati ACI

In base alle informazioni sul totale dei veicoli ed alle vendite di combustibili per autotrazione rilevati dal DGERM , sono stati calcolati i consumi relativi all’anno 2008 considerando:
la composizione del parco veicolare circolante;
il consumo medio di carburante per categoria di veicoli e tipologia di alimentazione;
la vetustà del parco veicolare.



Suddivisione del parco veicolare del territorio comunale per combustibile – elaborazione su dati ACI

Gli impieghi maggiori sono attribuibili al gasolio, anche se la maggior parte dei veicoli è alimentato a benzina, in quanto tale vettore è utilizzato per la maggior parte dalle categorie che presentano i consumi maggiori, come i veicoli industriali, i trattori e gli autobus.


Consumo ed emissioni dei Trasporti per Vettore - Anno 2008
 Anno (Anno Calendario) 2008
 Settore (Settori)  Vettore (Vettori) Consumo energetico [Mwh]Consumo (%)Emissioni di CO2 [t]/Emissioni equivalenti di CO2 [t]Emissioni (%)
Trasporto privato e commercialeElettricità0,000,000,000,00
Gas naturale7.610,221,301.537,261,01
Gas liquido8.673,841,481.968,961,30
Diesel380.549,7565,11101.606,7966,92
Benzina187.646,2032,1046.723,9130,77
Totale584.480,01100,00151.836,92100,00



Consumo energetico dei Trasporti privati e commerciali per Vettore - Anno 2008




Considerazioni finali

Relativamente ai vettori energetici, i consumi maggiori si registrano in riferimento al gas naturale, che da solo copre quasi il 50% del totale comunale, seguito dall’energia elettrica e dal gasolio (questo ultimo utilizzato quasi esclusivamente nel settore trasporti) che insieme raggiungono circa il 37% dei consumi finali.
Tale mix energetico si riflette sulle emissioni di CO2, in quanto il gas naturale, vettore energetico più utilizzato in ambito locale, presenta il valore di emissione più basso rispetto agli altri combustibili fossili.
In riferimento al totale delle emissioni comunali, il gas naturale è responsabile del 37% circa di queste (con un trend stabile negli anni dal 2008 al 2010), quasi al pari dell’energia elettrica, causa del 32% delle emissioni nel 2008, poi arrivate al 34% nel 2010.
Risulta un utilizzo ancora poco diffuso delle tecnologie di produzione energetica da fonti rinnovabili sul territorio comunale, limitate al fotovoltaico ed al solare termico, che insieme coprono circa un modesto 0,04% dei consumi finali; limitatamente alla sola energia elettrica, con il fotovoltaico si arriva a circa lo 0,1% dei consumi.
E’ comunque da segnalare una rapidissima crescita del numero di impianti fotovoltaici, che nel 2010 risultano soddisfare circa lo 0,26% dei consumi finali totali e l’1,32% dei soli consumi elettrici; tale aumento (che ha un tasso di circa il 1300% nei due anni dal 2008 al 2010) è dovuto principalmente alle politiche di incentivazione di carattere nazionale (in particolare il Conto Energia), a cui si è accompagnata una diminuzione dei costi di installazione di tali impianti.



Consumo energetico (%) per Vettore - Anno 2008



Emissioni di CO2 (%) per Vettore - Anno 2008



Consumo energetico (%) per Settore - Anno 2008



Le emissioni maggiori sono attribuibili al settore civile con circa il 59% (di cui il residenziale rappresenta il 60%), seguito dai trasporti (quasi il 25%) e dall’industria, che incide per il 13%, ma di cui non sono stati considerati i consumi degli impianti soggetti all’ETS.; molto modesto il contributo dell’agricoltura, che rappresenta appena il 0,39% del totale.
Le emissioni attribuibili all’Amministrazione Comunale, nel 2008, risultano circa il circa il 2% delle emissioni di tutto il territorio; considerando i consumi suddivisi per macrosettori si ottiene che edifici, impianti ed attrezzature dell’Ente rappresentano il 4% delle emissioni del settore terziario, mentre i trasporti pubblici (compreso il parco auto comunale) sono circa il 2,6% del totale dei consumi finali dei trasporti.
Emissioni di CO2 (%) per Settore - Anno 2008


Dall’analisi dei consumi e delle emissioni nell’arco temporale dal 2008 al 2010 si evince come, ad una leggera flessione nel 2009, corrisponda un altrettanto lieve aumento nel 2010, tale da renderli pressoché costanti nel periodo di riferimento.
Esaminando i singoli macrosettori, si nota un aumento generale dei consumi ad esclusione di quelli del residenziale, in modesta diminuzione, che però sono influenzati dall’andamento climatico e dal comportamento dei cittadini, e dei consumi legati ai trasporti, che dipendono fortemente dallo stile di guida degli automobilisti e dallo svecchiamento del parco auto, ma anche da fattori esogeni quali il prezzo dei carburanti.
L’andamento temporale dei consumi finali energetici e delle relative emissioni di CO2 calcolate, permette di ipotizzare che lo scenario di riferimento al 2020, orizzonte temporale del Piano, non sarà molto differente dal 2008, per cui è ragionevole calcolare l’obiettivo di riduzione delle emissioni direttamente dalla baseline del 2008.
Evoluzione consumi finali per Settore 2008 - 2009 -2010

200820092010
Consumo energetico [Mwh] Agricoltura8.3369.3217.578
Consumo energetico [Mwh] Edifici comunali, attrezzature/impianti19.61317.76610.202
Consumo energetico [Mwh] Illuminazione pubblica7.9278.6898.311
Consumo energetico [Mwh] Flotta comunale796700549
Consumo energetico [Mwh] Industrie Non ETS277.209311.240316.867
Consumo energetico [Mwh] Edifici residenziali899.268794.815859.155
Consumo energetico [Mwh] Edifici terziari (non comunali), attrezzature/impianti424.852508.767494.090
Consumo energetico [Mwh] Trasporto privato e commerciale584.480550.105540.195
Consumo energetico [Mwh] Trasporto pubblico15.69216.19516.685



Evoluzione emissioni CO2 per Settore 2008-2009-2010

200820092010
Emissioni di CO2 [t] Agricoltura2.3702.6022.180
Emissioni di CO2 [t] Edifici comunali, attrezzature/impianti5.0094.4752.928
Emissioni di CO2 [t] Illuminazione pubblica3.8294.1974.014
Emissioni di CO2 [t] Flotta comunale199166131
Emissioni di CO2 [t] Industrie Non ETS81.54288.62598.026
Emissioni di CO2 [t] Edifici residenziali216.471194.143206.357
Emissioni di CO2 [t] Edifici terziari (non comunali), attrezzature/impianti146.939125.433172.378
Emissioni di CO2 [t] Trasporto privato e commerciale151.837142.849140.307
Emissioni di CO2 [t] Trasporto pubblico3.9334.0274.139